PianetaUniversitario.com

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Scienza e Tecnologia

Unibo ricerca. Malattia rara del fegato: scoperta una nuova terapia

E-mail Stampa PDF
La cura per la colangite biliare primitiva, erroneamente chiamata fino a qualche mese fa cirrosi biliare, non risultava adeguata per la stragrande maggioranza dei pazienti  in quanto non ammalati di cirrosi. Il Prof. Pietro Andreone e il Prof. Giuseppe Mazzella del Dipartimento Universitario di Scienze Mediche e Chirurgiche dell’Alma Mater, presso il Policlinico di Sant’Orsola, coadiuvati dal prof. Marco Lenzi e dal prof. Luigi Muratori, hanno dato un importante contributo per la realizzazione e la riuscita dello studio che ha reso nota l’efficacia della terapia con acido obeticolico nella colangite biliare primitiva.
Leggi tutto...

Celle fotovoltaiche più efficienti grazie ad innovative pellicole fluorescenti

E-mail Stampa PDF
Pellicole fluorescenti che raccolgono e concentrano più efficacemente la radiazione solare in celle fotovoltaiche di dimensioni ridotte. L’innovativa tecnologia è il risultato di uno studio dei ricercatori del Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Università di Pisa e dello Stratingh Institute for Chemistry and Zernike Institute for Advanced Materials dell’Università di Groningen in Olanda. I risultati della ricerca sono stati appena pubblicati sul Journal of Luminescence (http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0022231315304269).
Leggi tutto...

Unibo ricerca. Studi sul sonno: dormire poco e male è rischioso?

E-mail Stampa PDF
sonnoSi è appena conclusa, a Bologna, la settimana della ricerca sul sonno, culminata nel XXXIII congresso della European Sleep Research Society (ESRS). Il congresso, organizzato dal professor Roberto Amici, fisiologo dell’Alma Mater, ha riunito nel centro fieristico di Bologna Congressi quasi 2000 medici e ricercatori provenienti da ogni parte del mondo. Gli studiosi del sonno si sono incontrati per discutere le più recenti scoperte sul normale funzionamento dell'organismo umano mentre dorme e sui possibili strumenti per combattere i molteplici disturbi del sonno che affliggono milioni di individui in tutto il mondo.
Leggi tutto...

Così i bambini imparano a parlare delle quantità

E-mail Stampa PDF
bambiniI bambini imparano a parlare di quantità allo stesso modo, a prescindere dalla loro lingua madre. Lo dimostra lo studio internazionale “Cross-linguistic patterns in the acquisition of quantifiers”, cui ha partecipato l’Università di Milano-Bicocca insieme con numerosi atenei europei, asiatici e americani, pubblicato sulla rivista PNAS, Proceedings of the national academy of sciences (vol. 113, no. 33, pp. 9244–9249, doi: 10.1073/pnas.1601341113).
Leggi tutto...

Individuare la malattia prima che si manifesti

E-mail Stampa PDF
anziano alzheimerUna vasta categoria di malattie neurodegenerative tuttora incurabili è caratterizzata dall’anomala aggregazione di proteine come il peptide beta-amiloide o la alfa-sinucleina, considerati un fattore chiave per lo sviluppo, rispettivamente, del morbo di Alzheimer e del morbo di Parkinson. Individuare la formazione di questi aggregati prima della comparsa dei sintomi della malattia è praticamente impossibile al giorno d’oggi, ma in futuro questa potrebbe diventare una strada percorribile.
Leggi tutto...

Calcolatori che risparmiano metà tempo ed energia

E-mail Stampa PDF
Calcolatori superveloci che eseguono le applicazioni in metà tempo ed energia. E’ questo il risultato di REPARA (Reengineering and Enabling Performance and poweR of Applications, http://www.repara-ict.eu), un progetto europeo del settimo programma quadro appena giunto a conclusione che ha visto la partecipazione attiva del dipartimento di Informatica dell’Università di Pisa.
Leggi tutto...

Identificati i bifidobatteriofagi: i regolatori dell’omeostasi della microflora intestinale

E-mail Stampa PDF
bifidobatteriÈ dedicata a una ricerca “targata” Università di Parma la copertina di uno degli ultimi numeri di “Environmental Microbiology”. La prestigiosa rivista scientifica ha infatti pubblicato un lavoro riguardante l’identificazione e caratterizzazione di un nuovo gruppo di batteriofagi, attivi nei confronti dei bifidobatteri, importanti membri del microbiota intestinale umano (http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/1462-2920.13154/full).
Leggi tutto...

Fegato, una nuova cura contro le malattie autoimmuni

E-mail Stampa PDF
La colangite biliare primitiva (CBP), malattia autoimmune del fegato, ha una nuova cura. È l’acido obeticolico (OCALIVA), un nuovo farmaco sintetizzato nei laboratori di ricerca dell’Università di Perugia che arriva a 20 anni di distanza dall’introduzione di un precedente farmaco con diverso principio attivo. A dimostrarne l’efficacia, in particolare in quei pazienti che non rispondono in modo significativo alle attuali terapie, è lo studio clinico “A Placebo-Controlled Trial of Obeticholic Acid in Primary Biliary Cholangitis” (DOI 10.1056/NEJMoa1509840), pubblicato sul The New England Journal of Medicine
Leggi tutto...

Unibo ricerca: uno sguardo al DNA degli italiani. Tra migrazioni, clima, diete e malattie

E-mail Stampa PDF
DNAUn popolo di santi, poeti e navigatori, certo, ma anche uno dei più ricchi ed eterogenei dal punto di vista del patrimonio genetico, modellato dagli incontri con altre genti e dalle diverse condizioni ambientali esistenti lungo la penisola. Una storia, quella dei geni degli italiani, che è tanto variegata quanto quella della terra che abitano, arricchita dalle migrazioni e segnata dalla geografia.
Leggi tutto...

E’ nato nei laboratori dell’Università di Perugia il farmaco che cura una malattia autoimmune del fegato

E-mail Stampa PDF
E’ stato sintetizzato a Perugia, nei laboratori dell’Università, l’acido oboliticolico (OCALIVA), il nuovo farmaco che è in grado di curare la Colangite biliare primitiva (CBP), malattia autoimmune del fegato. L’acido obeticolico è stato sviluppato all’inizio del 2000 dal professor Roberto Pellicciari nell’allora Dipartimento Chimica e tecnologia del farmaco dell’Ateneo di Perugia (oggi Dipartimento di Scienze farmaceutiche) nell’ambito delle ricerche sugli acidi biliari che Pellicciari e il suo gruppo hanno iniziato a partire dai primi anni ’80.
Leggi tutto...

L’influenza a settembre: identificato all'Università di Parma il primo ceppo di virus influenza A

E-mail Stampa PDF
Un ceppo di virus influenza di specie A sottotipo H3 è stato rilevato mercoledì 7 settembre, con grande anticipo rispetto al periodo epidemico, da un tampone faringeo appartenente a un bambino di tre anni e cinque mesi, ricoverato dal 3 settembre al Dipartimento Materno-Infantile dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma con febbre alta e compromissione bronchiale. Come riferito dal pediatra, il bambino, nato in Marocco e residente in Libia, era arrivato in Italia il 28 agosto su un gommone dalla Libia, insieme ai genitori, ed era ospitato in un Centro di Accoglienza territoriale. Il bambino, dopo reidratazione e risoluzione della febbre, è stato dimesso il 7 settembre 2016.
Leggi tutto...

Pagina 6 di 72

Sponsor

Links

 

Feed & Social


Follow Pianetauniversi on Twitter

You are here: Scienza e Tecnologia Scienza e Tecnologia